donna stressata da lavoro

I 5 segreti per riuscire a concentrarsi sul lavoro

Email a raffica, WhatsApp, skype call. E poi telefonate, sms, e riunioni su riunioni. Difficile riuscire a restare concentrati sul proprio lavoro.

C’erano una volta il disbrigo della corrispondenza, il centralinista che filtrava le telefonate, la riunione programmata con settimane di anticipo. Un’epoca che pare lontana, ma è distante soltanto una manciata di anni.

Oggi la posta arriva per email ogni pochi minuti, si è tutti raggiungibili 24/24h con il cellulare, notifiche a raffica arrivano dai vari device. E le riunioni si programmano in poche ore tramite Skype call.

Infiniti stimoli, concentrazione zero

Secondo alcune ricerche l’effetto di questo bombardamento di stimoli produce una riduzione drastica del tempo di attenzione: il flusso del pensiero, necessario a portare avanti il lavoro, è continuamente frammentato.

Il risultato? Si fanno cento cose in una giornata lavorativa, ma terminare un progetto è sempre più difficile. Siamo diventati tutti forzati dal multitasking, ma concludiamo di meno.

Come combattere la distrazione sul lavoro

Questo modo di affrontare il lavoro mette a rischio creatività e produttività. Per rimediare, servono regole per mantenere sempre presenti le priorità e le vere urgenze, e molta disciplina.

Ecco cinque segreti per restare concentrati nonostante le interruzioni e per mantenersi focalizzati sugli obiettivi della giornata.

  1. Tecniche di concentrazione

Ignorare le distrazioni è l’obiettivo di molte tecniche di concentrazione, la più famosa è forse la “tecnica del pomodoro”. Consiste nel suddividere il proprio tempo in slot temporali prestabiliti, (che possono variare dai 25 ai 45 minuti ciascuno), intervallati da 5 minuti di riposo, da assegnare alle attività in agenda durante la giornata. Durante questi slot ci si dedica all’attività senza interruzioni, rimandando qualunque “distrazione”.

  1. Non disturbare!

Se abbiamo bisogno di portare a termine un lavoro è bene mettere lo smartphone in modalità aereo o disattivare sul computer le notifiche della posta. Chi avrà una vera urgenza di contattarvi potrà passare dal centralino o lasciare un messaggio.

  1. Ogni cosa a suo tempo

I social network e i servizi di messaggistica sono per molti una fonte di distrazione. L’abitudine di dare un’occhiata al flusso di notizie che scorre sul video, alle notifiche della chat o alle foto pubblicate è controproducente per la ricorsività del gesto, che impedisce la concentrazione mentale. Meglio quindi lasciare queste attività ai momenti di pausa.

  1. Gestire lo stress

Lo stress non aiuta la concentrazione, ma ingenera uno stato di ansia che ostacola la produttività e la creatività. Imparare a gestirlo con tecniche di rilassamento specifiche (per esempio la meditazione, la mindfullness, lo yoga) permette di perseguire l’obiettivo lavorativo senza annaspare in pensieri cupi.

  1. Mangiare e dormire bene

Un’alimentazione sana e bilanciata, distribuita in cinque pasti quotidiani, aiuta a mantenere alta l’attenzione. Anche nei momenti di superlavoro, quindi, mai saltare la pausa pranzo o la pausa snack. I cereali integrali e le proteine sono vostri amici. Ma serve anche una mente riposata e attiva: sono circa 8 le ore di sonno necessarie per ottenerla.

Nutrire il cervello

Se la concentrazione continua a latitare, un aiuto in più può arrivare da SameFast UP, l’integratore specifico che aiuta il tono dell’umore e contrasta gli stati di stanchezza fisica e mentale.

Disponibile in compresse e bustine orosolubili, SameFast Up contiene S-adenosil-L-metionina (SAMe), un composto naturale utile nella sintesi di neurotrasmettitori che modulano il tono dell’umore (come serotonina e dopamina) e le vitamine B9 (acido folico) e B12 che coadiuvano la fisiologica produzione di SAMe.