Donna in menopausa sorride seduta sul divano

Menopausa: un periodo della vita caratterizzato da sbalzi di umore

Menopausa: cambiamenti fisici e sbalzi di umore

Che cosa accade alla donna quando entra in menopausa? E’ noto che, con la menopausa, termina la cosiddetta età fertile, e si interrompe definitivamente il ciclo mestruale in seguito a variazioni ormonali. Si tratta di un cambiamento del tutto fisiologico che, in genere, si verifica tra i 45 e i 55 anni e viene diagnosticato quando le mestruazioni sono cessate da almeno 12 mesi.
La donna arriva alla interruzione delle mestruazioni dopo il climaterio: un periodo più o meno lungo (anche 5 – 10 anni), durante il quale il ciclo mestruale può presentarsi in modo irregolare (“ saltare ” per alcuni mesi, comparire più volte in un mese) e/o con anomali flussi (troppo leggero o abbondante).

 

Le cause dei cambiamenti: la riduzione degli estrogeni

Durante il climaterio le ovaie rispondono sempre meno agli stimoli degli ormoni secreti dall’ipofisi (FSH – ormone follicolo – stimolante ed LH – ormone leutinizzante), rilasciando quantità sempre minori di estrogeni, (gli ormoni tipicamente femminili che regolano molteplici funzioni organiche, ad esempio(accrescimento, maturazione sessuale, fecondità, ecc.).
Questo processo va avanti fino a quando le ovaie interrompono completamente la produzione di estrogeni, fase che coincide con l’avvio della menopausa vera e propria, caratterizzata da sospensione definitiva del ciclo mestruale, ma che può essere anche accompagnata da una serie di disturbi, più o meno lievi, relativi alla sfera fisica ed emotiva.

 

Menopausa e disturbi fisici

Tra i disturbi più diffusi della menopausa citiamo innanzitutto le vampate di calore e l’eccessiva sudorazione. Questi fenomeni sono dovuti al progressivo abbassamento degli estrogeni e alla conseguente reazione dell’ipotalamo (la ghiandola che svolge il ruolo di “centralina” del nostro sistema endocrino), che collega bassi livelli di ormoni femminili ad alta temperatura corporea e induce l’organismo a “liberare calore” per abbassare la temperatura.
In genere nella menopausa si verifica una riduzione delle fisiologiche secrezioni vaginali: la carenza di estrogeni provoca una diminuzione dei liquidi e una certa secchezza vaginale, che può essere accompagnata da prurito e può rendere dolorosi i rapporti sessuali. Spesso i disturbi precedenti possono essere affiancati anche da aumenti di peso.

E’ inoltre noto che le donne in menopausa sono a “rischio” osteoporosi, malattia caratterizzata da una riduzione della massa ossea e dall’indebolimento del tessuto osseo, che risulta quindi più fragile e soggetto a fratture. Il tessuto osseo, in sintesi, tende a “consumarsi” e non si “rigenera” perla carenza di estrogeni, che svolgono anche un importante ruolo nella formazione del tessuto osseo.
Nella donna in menopausa aumenta inoltre il rischio di ipercolesterolemia e di contrarre malattie cardio-vascolari.

 

Menopausa e disturbi emotivi

Molte donne in menopausa lamentano sbalzi di umore, irritabilità, disturbi del sonno e, in taluni casi, forme più o meno lievi di depressione.
Questo quadro è determinato in larga parte dalla carenza di estrogeni, o la cui riduzione comporta uno squilibrio di alcuni neurotrasmettitori (sostanze chimiche prodotte dal cervello) “del buon umore”, quali la serotonina (che induce alla serenità, riduce l’ansia e alza il tono dell’umore), la dopamina (collegata al senso di piacere e al benessere ) e le endorfine (che rendono più resistenti alla fatica e regalano un senso di benessere).

 

Come aiutarsi a combattere i disturbi fisici ed emotivi della menopausa

E’ molto importante che la donna segua una dieta equilibrata, ricca di sostanze che possono aiutare a sopperire la carenza di estrogeni (ad esempio soia e derivati, cereali, fagioli, ecc.), con un adeguato apporto di calcio e vitamina D, per ridurre i rischi di osteoporosi.
Ugualmente, è necessario che la donna faccia regolarmente esercizio fisico (basta anche una camminata ad una buona andatura), possibilmente all’aperto e alla luce, al mattino o al pomeriggio (evitando le ore centrali e più calde): il movimento aiuta a rafforzare le ossa e stimola la produzione delle endorfine, mentre la luce contribuisce alla produzione di neurotrasmettitori “amici dell’umore”.
Inoltre è utile, per migliorare il tono dell’umore, l’assunzione di SAMe, (S-Adenosil-L-Metionina), acido folico e vitamina B12, un complesso di sostanze contenute nell’ integratore alimentare Samefast.

 

Samefast UP: un valido aiuto per i disturbi dell’umore in menopausa!

L’integratore Samefast UP deriva il suo nome dalla SAMe, sostanza prodotta naturalmente dal nostro organismo. La SAMe svolge un ruolo importante nella regolazione dell’umore perché influenza la produzione di neurotrasmettitori che incidono sul tono dell’ umore (dopamina, serotonina e noradrelanina) e quando è bassa l’umore ne risente.
L’ acido folico (vitamina B9) e la vitamina B12 sono due sostanze che aiutano l’ organismo a produrre SAMe.
L’assunzione di Samefast UP consente di immettere nel nostro organismo un giusto apporto di SAMe, rendendo immediatamente disponibile questa sostanza così preziosa e, contemporaneamente, di incrementare i livelli di acido folico e vitamina B12, fattori essenziali per la naturale produzione di SAMe da parte del nostro organismo.
Samefast UP è un prodotto naturale, che costituisce un valido supporto per ripristinare gli equilibri delicati che influenzano l’umore in menopausa e ritrovare la serenità necessaria ad affrontare in modo positivo una fase importante della vita di ogni donna.

Per scoprire di più su Samefast UP, vai al link: https://www.samefast.it/scopri-samefast/