donna nervosa e stressata in ufficio

Nervosismo e stress mentale: ecco come affrontarli

Inveire contro chi ti porta via il parcheggio è normale, più o meno… Ma se riusciamo a evitarlo è meglio. Ecco come affrontare e gestire gli scatti di nervi.

Un episodio di nervosismo può capitare per tanti motivi: qualcuno salta la fila alla cassa, o ti soffia il parcheggio sotto gli occhi, oppure un commento fuori luogo da un collega o il rimprovero di un capo.

La reazione spesso è la stessa: uno scoppio d’irritazione non proporzionato al torto subìto, che fa salire la pressione e il battito cardiaco.

La rabbia è un’emozione primaria, la reazione fisiologica a una situazione potenzialmente pericolosa, che permette all’organismo di mettersi sull’attenti e di difendersi dall’attacco. E lo scatto di nervi in sé e per sé non è preoccupante, purché si verifichi saltuariamente.

Se è la normalità, le cose cambiano.

Non farsi dominare

Il punto è quanto spesso emozioni come aggressività e rabbia dominano il comportamento e se impediscono di analizzare la situazione con razionalità e di reagire di conseguenza.

Un periodo di forte e prolungato stress, l’ansia, la frustrazione, il malumore possono favorire reazioni “spropositate” come gli attacchi d’ira, sfuriate che lasciano però l’amaro in bocca e non estinguono la rabbia, ma in qualche modo l’alimentano ulteriormente. Così si vive in uno stato di perenne tensione, come una pentola a pressione pronta a far saltare la valvola.

Come gestire l’attacco di ira

Reprimere la rabbia non è mai una buona idea. Anzi, spesso la repressione innesca meccanismi psicologici che inducono o peggiorano l’ansia e possono portare anche alla depressione.

La strada giusta per gestirla è imparare a incanalarla in modo che non rechi danni a noi e agli altri. Esistono tecniche per la gestione della rabbia che si basano sulla meditazione, il training autogeno, la mindfulness, lo stretching.

Prendi tempo, controlla il respiro

In generale, di fronte a una situazione che innesca il divampare degli attacchi di irritazione, è bene prendere tempo. Contare fino a dieci, e se non basta contare ancora: un consiglio banale, ma è sorprendente quanto sia efficace per non reagire d’impulso e per attivare il cervello. L’obiettivo è comunicare la rabbia e il disappunto con modalità non esplosive.

Anche il corpo può essere uno strumento per sfogare il nervosismo: la respirazione lenta e profonda aiuta a calmare lo stress e a riacquistare il controllo, mentre lo stretching allenta la tensione. Due esercizi semplici ed efficaci sono contrarre e rilasciare i muscoli della coscia e stringere le mani a pugno e ridistendere le dita.

Ritrovare l’equilibrio

Quando stress e ansia si fanno sentire e si fa fatica a non cedere al malumore e alla negatività può essere utile anche SameFast UP, l’integratore specifico per il tono dell’umore, disponibile in compresse e in bustine orosolubili.

SameFast UP, infatti, contiene S-adenosil-L-metionina (SAMe), un composto presente nell’organismo importante per la sintesi di alcuni neurotrasmettitori che modulano il tono dell’umore, vitamina B9 (acido folico) e vitamina B12 che coadiuvano la fisiologica produzione di SAMe. SameFast UP inoltre contribuisce a ridurre affaticamento e stanchezza.